Coscienza astronomica

Coscienza astronomica

 

1. la coscienza cosmica e l’astronomia

L’Egitto, riconoscendo l’influenza dei cieli sulla terra, osservò i cieli con la massima attenzione. I dati dell’astronomia sono stati studiati per il suo significato: vale a dire lo studio delle corrispondenze tra gli eventi nei cieli e gli eventi sulla terra. Astronomia e astrologia erano, per loro, due facce della stessa medaglia.

Antiche testimonianze egiziane di tutte le questioni tematiche mostrano un coordinamento completo e la corrispondenza tra le attività egizie sulla terra e i vari cicli dell’universo (come alcune applicazioni sono descritte in tutto questo libro).

Gli egiziani erano molto consapevoli della loro dipendenza dai cicli della terra e del cielo. Pertanto, ai sacerdoti del tempio fu affidato il compito di osservare i movimenti di questi corpi celesti. Erano anche responsabili di annotare altri eventi celesti e di interpretarli.

Numerosi monumenti possono essere trovati in tutti i siti egiziani antichi, attestando la loro piena consapevolezza e conoscenza della cosmologia e dell’astronomia.

Clemente Alexandrinus (200 D.C.) ha riferito della conoscenza avanzata dell’astronomia nell’antico Egitto. Si riferì a cinque volumi interconnessi nell’antico Egitto sull’astronomia — uno contenente una lista delle stelle fisse, un altro sui fenomeni del sole e della luna, altri due sul sorgere delle stelle, e un altro contenente una cosmografia e una geografia, il corso del sole , la luna e i cinque pianeti. Questi riferimenti indicano una completa comprensione dell’astronomia ineguagliata anche nei nostri tempi attuali.

Mentre l’Accademia occidentale attribuisce la conoscenza dell’astronomia ai greci, i greci stessi attribuivano la loro conoscenza astronomica ai sacerdoti egiziani.

Il grande Strabone [64 A.C. – 25 CE] ha ammesso, in c. 20 A.C. (circa 100 anni dopo Hipparchus) che:

“I sacerdoti egiziani sono supremi nella scienza del cielo… [gli egiziani]… imparto alcuni dei loro precetti; anche se nascondono la maggior parte. [Gli egiziani] rivelarono ai greci i segreti dell’intero anno, che quest’ultimo ignorò come con molte altre cose “.

(Più circa l’anno più accurato calendario egiziano più tardi in questo capitolo.)

Gli astronomi che studiano l’Egitto sostengono da tempo che l’astronomia egiziana era molto avanzata; che la precessione degli equinozi era loro conosciuta, così come il sistema eliocentrico e molti altri fenomeni presumibilmente solo recentemente scoperti.

 

2. Kepler e astronomia egiziana

Alcuni decenni fa, coloro che suggerivano che l’astronomia aveva raggiunto uno stato avanzato molto tempo prima che l’invenzione del telescopio fossero generalmente ridicolizzato o ignorato. L’astronomia “moderna” è attribuita alle opere di Johannes Kepler [1571 – 1630 CE], e gli viene attribuito di aver “scoperto” le tre leggi planetarie senza il “beneficio di un telescopio”.

La legge 1. L’orbita di un pianeta/cometa sul sole è un’ellisse con il centro di massa del sole a un solo fuoco.

La legge 2. Una linea che unisce un pianeta/una cometa e il sole spazza via le aree uguali in uguali intervalli di tempo.

La legge 3. I quadrati dei periodi dei pianeti sono proporzionali ai cubi dei loro assi semi-principali.

Le leggi planetarie che mostrano le relazioni tra i pianeti, le distanze, le variazioni di velocità, le configurazioni orbitali, ecc. non possono mai essere determinate senza regolari osservazioni, misurazioni, registrazioni e analisi; Eppure nessuno di questi accademici occidentali ci dice come Kepler è arrivato (di aria sottile) a queste leggi planetarie. In verità, Kepler si vantava in stampa, alla fine del libro V della sua serie armonia del mondo, che riscoprì le leggi perdute dell’Egitto, come indicato di seguito:

“Ora, diciotto mesi dopo la prima luce, tre mesi dopo il vero giorno, ma pochi giorni dopo il sole puro di quel più meraviglioso studio ha cominciato a brillare, nulla mi trattiene; è il mio piacere di cedere alla frenesia ispirato, è il mio piacere di provocazione uomini mortali con il riconoscimento Candido che Sto rubando i vasi d’oro degli egiziani per costruire un tabernacolo al mio Dio da loro, lontano, lontano dai confini dell’Egitto “.

Il giubilo Kepler non ha detto che egli stesso ha scoperto qualcosa. Piuttosto, era tutto egiziano antico.

 

3. osservazioni e registrazioni astronomiche

Numerosi monumenti possono essere trovati in tutti i siti egiziani antichi, attestando la loro piena consapevolezza e conoscenza della cosmologia e dell’astronomia. Un tipo sistematico di osservazione astronomica iniziò nell’antico Egitto in un tempo molto precoce. Gli antichi egizi compilavano informazioni, realizzando grafici delle costellazioni basate su osservazioni e registrazioni.

Un tipo sistematico di osservazione astronomica iniziò in tempi molto precoci. I più antichi testi astronomici attualmente conosciuti si trovano sui coperchi di bare lignee risalenti alla IX Dinastia (c. 2150 A.C.).

Questi testi sono chiamati calendari diagonali o orologi a stella diagonali, che significano gli obiettivi e il contenuto di questi testi: osservare e documentare il rapporto tra il movimento e il tempo delle stelle.

La parola “diagonale” indica la misurazione degli angoli; ad esempio, la distanza dell’arco di movimento durante un periodo di tempo specifico.

Le misurazioni angolari sono in congiunzione della divisione egizi del cielo in 36 segmenti angolari. Ognuno ha un angolo centrale di 10 gradi, per un totale di 360 gradi.

Questi testi danno i nomi dei decani (stelle che si alzano a intervalli di dieci giorni allo stesso tempo del sole), di cui c’erano 36.

Più elaborate carte stellari sono state trovate nel nuovo Regno (1550 – 1070 A.C.) sul soffitto della tomba di Senenmut, architetto della regina Hatshepsut, e sul soffitto al Tempio di Abydos. Nelle tombe di set I e Ramses IV, VII e IX, le iscrizioni che si riferiscono al primo e al 16 ° giorno di ogni mese danno la posizione occupata da una stella in ognuna delle 12 ore della notte in relazione ad una figura seduta (sopra l’orecchio sinistro , sull’orecchio destro, ecc.).

 

4. l’ora egiziana reale

L’antica conoscenza egizia del cronometraggio si riflette nella loro divisione del giorno in 12 ore del giorno e 12 ore di notte. La lunghezza dell’ora non è stata fissata, ma varia con le stagioni. Lunghe giornate in estate significava più ore del giorno e il contrario nei mesi invernali. 21 marzo e 23 settembre, quando il sole attraversa l’equatore e giorno e notte sono ovunque di uguale lunghezza, sono conosciuti come ‘ equinoxes ‘ (notti uguali). La lunghezza variabile dell’ora indica la loro comprensione dell’equinozio e la loro piena comprensione della misurazione del tempo accurata, come spiegato di seguito.

pic 5

Poiché la terra ruota intorno al sole nel piano della sua orbita una volta all’anno, la linea di riferimento al sole sta cambiando costantemente, e la lunghezza di un giorno solare non è il tempo reale di una rotazione della terra. È quindi che la nostra astronomia “moderna” riconosce che il tempo reale di una rotazione della terra, che è conosciuta come il giorno siderale, si basa su una rotazione rispetto all’equinozio di primavera, quando la lunghezza del giorno e della notte sono esattamente le stesse.

Gli antichi Egiziani sapevano i segreti del tempo perché hanno osservato e studiato il moto apparente delle stelle, la luna e il sole. Poiché tutti i corpi celesti sono in costante movimento apparente rispetto all’osservatore, è estremamente importante conoscere il tempo preciso di un’osservazione di un corpo celeste — che gli antichi egiziani padroneggiano molto tempo fa.

Il movimento di ogni corpo celeste è stato misurato in un cambiamento angolare come una combinazione di declinazione e ascensione a destra; Queste sono le coordinate date delle stelle su una mappa del cielo.

Le osservazioni sono state registrate e tracciate su una griglia sovrapponendo — sotto il centro del cielo — una figura umana seduta in posizione eretta, con la sommità della testa posta sotto lo Zenit. La griglia era tipicamente 8 segmenti orizzontali e 12 segmenti verticali, rappresentando le 12 ore della notte. Le stelle che si stavano avvicinando allo Zenit sono state referenziate su una porzione di questa cifra, e la loro posizione è stata indicata nelle liste delle stelle: sull’orecchio sinistro, sull’orecchio destro, ecc.

I testi astronomici antichi egiziani danno la posizione delle stelle durante le 12 ore della notte ad intervalli di 15 giorni, e da queste informazioni, il cambiamento nella posizione di un particolare punto nel cielo può essere misurato. Queste frequenti e regolari misurazioni e registrazioni li portarono a correlare il tasso di velocità dei corpi celesti e, in quanto tali, gli antichi egiziani erano in grado di registrare irregolarità gravi e minori nel movimento percepito di questi corpi celesti.

Mappe dei cieli e tavole stellari sono state fatte in Egitto da una data molto precoce; le stelle sono raggruppate insieme per formare costellazioni come quelle ritratte sui soffitti della tomba. I riferimenti astronomici all’importante costellazione della gamba del Toro (grande orso) a Sirio, a Orione e ad altri gruppi stellari si trovano nei testi della piramide della 5a e 6a dinastie.

Gli elenchi dei decani o di dieci stelle (o gruppi stellari) associati alle ore di tavole stellari erano già in uso nelle bare dell’11 ° e 12 ° dinastie di Assyut.

Nel caso della tomba di Ramses IX (1131-1112 A.C.), il soffitto Mostra le posizioni delle varie stelle in 12 periodi consecutivi di 15 giorni. Da questi grafici a stella, gli antichi egizi determinavano le posizioni e i cambiamenti di posizione e/o di tempo delle stelle. Come tale, gli antichi Egizi erano consapevoli del fatto che le stelle si spostavano lentamente e che questo era facilmente misurabile al transito dei meridiani; e così gli antichi egizi sapevano e hanno elaborato il tasso di cambiamento precessionale.

Gli antichi egizi facevano riferimento alle stelle che definiscono il perimetro delle varie costellazioni, come ad esempio:

gamba del gigante
artiglio dell’oca
testa dell’oca
ostacolare-parte dell’oca
stella di migliaia
stella s’AR
dito-punto della costellazione s’Ah. Orion
le stelle di s’Ah. Orion
stella che segue Sirius
dito-punto di Twin-stars
stelle dell’acqua
punto del dito del s’Ah.
capo del leone
coda del leone

 

5. il ciclo dello zodiaco

La carta stellare del Polo Nord del cielo, dalla tomba di SETI i [1333 – 1304 A.C.] [mostrata sopra], rafforza
il significato antico egizio della parola Zodiac-come un cerchio di animali.

La ragione principale della nostra consapevolezza, sulla terra, dello zodiaco è la complessa interazione tra la terra, il sole e la luna. Tra i diversi volumi dei testi antichi egizi, come riconosciuto da Clemente Alexandrinus, c’era un intero volume sui fenomeni del sole e della luna. Il significato del sole e della luna nel ritmo cosmico è attribuito allegoricamente a Iside e Osiride, che è stato meglio descritto da Diodoro di Sicilia, libro I, 11. 5-6:

Questi due Neteru (dèi), tengono, regolano l’intero universo,. . .

Le azioni gemelle del sole e della luna sulla terra sono la causa della precessione. La luna e il sole si rimorchiano, gravitazionalmente, sul rigonfiamento equatoriale della nostra terra. La luna cerca di tirare il rigonfiamento nel piano della sua orbita intorno alla terra, e il sole cerca di tirare questo rigonfiamento nel piano dell’orbita terrestre intorno al sole. Di conseguenza, la terra non gira vero sul suo asse, ma più come una parte superiore di filatura leggermente fuori centro. Il risultato combinato di queste due tendenze provoca l’asse della terra per fare un doppio cono nello spazio, centrato sul centro della terra-una sorta di oscillazione. Questa mozione è chiamata precessione.

pic 5

La terra ruota da ovest a est sul suo asse polare e ruota attorno al sole in un’orbita ellittica con il sole in un solo fuoco dell’ellisse. Completa una rivoluzione in un periodo di 365,2564 giorni. L’inclinazione della terra (231/2 gradi con la perpendicolare al piano orbitale), combinata con la sua rivoluzione intorno al sole, provoca le lunghezze del giorno e della notte per cambiare e provoca anche le diverse stagioni [mostrato sopra].

Ci sono diversi componenti di questo movimento instabile della terra. Sono semplicemente diversi componenti di frequenza degli stessi effetti fisici — il rimorchiatore di guerra tra i tre corpi.

Se il cielo è considerato come uno sfondo costellato, allora a causa della oscillazione della terra sul suo asse, l’equinozio di primavera si alza ogni anno contro uno sfondo gradualmente spostando di costellazioni. L’effetto non è reale, ma apparente, e coinvolge solo le stelle. Le stelle non si muovono in realtà, ma sembrano muoversi a causa della oscillazione precessionale della terra. Gli astronomi lo chiamano la precessione degli equinoxes.

Il continuo spostamento della posizione delle stelle agisce come una sorta di Star-Clock per il nostro pianeta. Per gli antichi egiziani, conoscendo il tasso esatto di cambiamento processionale e la coordinata di una stella, sono stati in grado di determinare la sua altitudine al meridiano per un dato momento, o il suo punto di salita all’orizzonte orientale.

La precessione degli equinozi attraverso le costellazioni dà nomi ai dodici anni dello zodiaco. Ci vogliono circa 2.160 anni per l’equinozio per precessione attraverso un segno zodiacale. Così, ci vogliono circa 25.920 anni per l’equinozio primaverile per attraversare il circuito completo delle costellazioni dei dodici segni zodiacali. Questo ciclo completo è chiamato il grande/anno completo.

Ognuna delle età/segni dello zodiaco è divisa in tre segmenti uguali rappresentati da tre figure umane in congiunzione con gli egiziani che dividono il cielo in 36 segmenti angolari. Ognuno ha un angolo centrale di 10 gradi, per un totale di 360 gradi.

Come indicato e mostrato sopra, questi decani sono per lo più raffigurati in un flusso lineare dal primo periodo della storia egiziana recuperata.

Queste stesse rappresentazioni e organizzazioni Decan sono esattamente le stesse migliaia di anni più tardi, sia nel flusso lineare nella sala in stile IPO del tempio Dendera [vedi fotografia nell’Appendice C] o nel flusso circolare, come mostrato qui nello stesso tempio Egizio, con la molto stesso triplo Decani per ognuna delle dodici costellazioni zodiacali

Sezione del Dendera Zodiac:

Una sezione allargata del Dendera Zodiac:

 

Di seguito è riportato il grafico dello zodiaco egiziano che mostra i principali elementi con meno dettagli rispetto al grafico originale.

I segni dello zodiaco sono rappresentati in due luoghi del tempio het-Heru (Hathor) a Dendera. È chiaramente antico egizio, con le sue figure, simboli, ecc. Lo stesso simbolismo esatto di età dello zodiaco raffigurato, divinità, figure, ecc si trovano in numerosi templi e tombe egiziane in tutto il paese, molto prima dell’era greco-romana.

Il mondo accademico occidentale non considerava la schiacciante evidenza fisica, così come l’affermazione delle fonti egiziane antiche, che la precessione degli equinossiti era conosciuta in Egitto da tempo immemorabile. Academia diede il merito al “greco” Hipparchus di Alessandria [c. 160 – 125 A.C.]. Questo è ancora un altro patetico tentativo di accreditare un europeo con un grande successo. Eppure, in questo caso, Hipparchus (che non si è mai affermato come la fonte) non avrebbe mai potuto fare da solo qualcosa che richieda osservazioni astronomiche, misurazioni e registrazioni per secoli e millenni.

Mentre l’Accademia occidentale attribuisce la conoscenza dell’astronomia ai greci, i greci stessi attribuivano la loro conoscenza astronomica ai sacerdoti egiziani. Il grande Strabone [64 A.C. – 25 CE] ha ammesso, in c. 20 A.C. (circa 100 anni dopo Hipparchus), che:

I sacerdoti egiziani sono supremi nella scienza del cielo… [gli egiziani]… imparto alcuni dei loro precetti; anche se nascondono la maggior parte. [Gli egiziani] rivelarono ai greci i segreti dell’intero anno, che quest’ultimo ignorò come con molte altre cose…

 

[Estratti dalla Cosmologia egizia: l’universo animato, terza edizione di Moustafa gadalla

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/04-cosmologia-egizia-luniverso-animato/

——

E dall’ Alla Scoperta Della Cultura Dell’antico Egitto, 2a edizione di Moustafa Gadalla]

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/alla-scoperta-della-cultura-dellantico-egitto/

——————————————————————————————————————

Prenota Outlet acquisti:

A- I libri cartacei stampati sono disponibili su Amazon.

——————-
B-il formato PDF è disponibile in…
i-il nostro sito Web
ii-Google Libri e Google Play
—–
C-il formato mobi è disponibile in…
i-il nostro sito Web
ii-Amazon
—–
D-il formato EPUB è disponibile in…
i-il nostro sito Web
ii-Google Libri e Google Play
iii-iBooks, Kobo, B & N (Nook) e Smashwords.com