La società fisica/metafisica

La società fisica/metafisica

 

1. cercare i cieli superiori celesti

Gli egiziani antichi e Baladi fatto/fare alcuna distinzione tra uno stato metafisico di essere e uno con un corpo materiale. Una tale distinzione è un’illusione mentale, come accettata ora nei circoli scientifici, poiché la teoria della relatività di Einstein che la materia è una forma di energia.

Proprio come le nostre vite non si fermano alla morte, così i nostri corpi non sono limitati dalle loro forme fisiche esterne. Esistiamo su un numero di livelli diversi in una sola volta, dal più fisico al più spirituale. Infatti, in un certo senso, non c’è differenza tra fisico e spirituale; solo le gradazioni che si trovano tra le due estremità dello spettro.

La matrice di energia universale, secondo le tradizioni egiziane, consiste nell’unità di nove (7 cieli e 2 Terre) regni interpenetranti e interattivi. In quanto tali, gli egiziani antichi e Baladi mantennero/mantengono le comunicazioni tra il loro regno terrestre e gli spiriti/le energie dell'”altro mondo”.

Gli egiziani fecero due ampie distinzioni nella struttura metafisica gerarchica dei sette cieli:

A. al termine più alto di questo ordine celeste, esistono tre livelli in una sorta di corte o di un Consiglio celeste che non sono coinvolti con le attività umane sulla terra. Tali regni sono gli equivalenti degli Arcangeli e degli ordini degli angeli che troviamo in altri sistemi di religione.

B. gli egiziani distinguono quattro gruppi inferiori che occupano le posizioni della gerarchia celeste che consistono di coloro che vivevano sulla terra per un tempo o per l’altro, e dopo la loro partenza terrena, continuano a essere coinvolti con le attività umane sulla terra. Tali regni sono identici a quelli di alcuni sistemi cristiani orientali, i profeti, gli Apostoli, i martiri e molti grandi santi.

In tutti i periodi della storia egiziana, una classe di esseri era conosciuto; alcuni dei quali sono maschi e femmine. Questi avevano molte forme e forme e potevano apparire sulla terra come uomini, donne, animali, uccelli, rettili, alberi, piante, ecc. Erano più forti e più intelligenti degli uomini, ma avevano passioni come gli uomini. Sono stati accreditati di possedere alcuni poteri divini o caratteristiche, eppure potevano soffrire di malattia e morire.

Gli egiziani parlano del loro defunto come vivente, che dimostra quanto sia definita la convinzione che le anime del defunto ritornino alle loro tombe/santuari nei giorni specificati delle loro visite settimanali e annuali.

 

2. gli aiutanti celesti

Evidenzieremo qui i più comuni aiutanti celesti, come:

i-famiglia e parenti stretti

Le comunicazioni più comuni erano/sono tra gli esseri terreni e i loro spiriti antenati. Questi spiriti servono le esigenze dei singoli membri della famiglia.

II-patroni della Comunità — [patroni locali/regionali ancestrali]

Il carattere di tali anime abbandonati come patroni della Comunità [“Dio locale”] copre una vasta gamma, soddisfacendo l’aspettativa dei loro discendenti nella Comunità in generale. Si comportano come esseri umani superiori con le stesse passioni e le stesse esigenze; ma anche con il potere trascendente. La città è la “casa” del “patrono”. Hanno santuari, oggetti sacri e statue. Essi possono apparire sotto forma di pietre, alberi, animali o esseri umani.

È concepibile che il patrono di una città particolarmente grande e possente dovrebbe essere creduto di esercitare una sorta di patrocinio, sia politicamente che agricolo, su una zona estesa, e il potere che avevano raggiunto determinato la loro influenza in espansione su un area più grande, con conseguente diventare un grande patrono con vasto territorio.

Alcuni santuari mostrano loro di essere patroni puramente locali; molti sono stati originariamente chiamati dopo città come “lui di Ombos”, “lui di EDFU”, “lei di Bast”-sono davvero solo il Genii delle città. Molti si mostrano ai loro seguaci sotto forma di qualche oggetto in cui abitavano. Gli Egiziani credevano che ogni luogo fosse abitato da un gran numero di spiriti, e che quelli minori fossero soggetti allo spirito supremo.

Il patrono locale/villaggio viene visitato ogni settimana ogni giovedì o venerdì. Inoltre, hanno i loro festival stagionali e annuali.

III-santi popolari

I walis (santi popolari) sono le persone che sono riuscite a viaggiare nel cammino spirituale e che, di conseguenza, hanno raggiunto l’Unione con il divino. Tale unificazione permette loro di compiere atti soprannaturali, influenzare e predire eventi futuri, ecc. Di conseguenza, diventano gli intermediari tra gli esseri viventi terrestri e i regni soprannaturali e celesti.

Dopo la loro morte terrena, si pensa che la loro forza spirituale/benedizione aumenti e risieda nelle persone e in particolare nei luoghi associati e scelti da loro. Un santo popolare sceglie e trasmette i luoghi per i suoi santuari alla sua famiglia e agli amici durante i sogni (e possibilmente anche la coscienza di Veglia). Di conseguenza, un santuario (o più — di solito più di due) è messo a parte per lui/lei. Tali santuari, nella maggior parte dei casi, non sono le loro tombe. Questi santuari punteggiano il paesaggio egiziano fin dalla sua prima storia conosciuta.

Antichi e Baladi egiziani soggiornato/rimanere in contatto con il walis. Le persone visitano regolarmente i walis nei loro santuari, dalle comunità circostanti. È un obbligo sociale di visitarli; soprattutto sulla sua/sua mouled (celebrazione annuale).

Oltre alle visite, le persone possono anche chiedere a questi walis per favori personali. I voti sono fatti da individui che se il Wali risolve una preoccupazione personale, il Vower donerà alcuni oggetti alla carità.

A differenza dei santi cristiani, i walis sono scelti dalla gente comune sulla base delle prestazioni. Una volta che la gente può vedere che questa persona ha effettivamente la capacità di influenzare le forze soprannaturali per assistere chi è sulla terra e, di conseguenza, adempie i loro desideri; poi viene riconosciuto come Wali.

Questi santi popolari sono erroneamente chiamati “divinità minori” dagli scrittori occidentali.

[Per maggiori informazioni su Folk-Saints, Festival, ecc., leggi i mistici egiziani: i cercatori del cammino di Moustafa gadalla.]

 

3. liberazione ordinata di corpi metafisici [riti funerari]

L’esistenza di riti funebri in qualsiasi società riflette la convinzione che qualcosa di essenziale sopravvive alla morte fisica dell’uomo, e che la modalità di sepoltura in qualche modo influenza l’esistenza in quella regione spirituale.

Da qui sorse la grande importanza delle cerimonie funebri e delle offerte, che causarono un corpo spirituale a molla dal corpo fisico e là ka ‘ per continuare la sua esistenza dopo la morte del corpo a cui apparteneva.

I rituali corretti sono prerequisiti per il processo di lasciare questo Regno in modo ordinato per andare a un altro. Inoltre, i rituali corretti assicurano il ritorno del defunto durante i festival, ecc.

Gli Egiziani credevano in una vita futura. Ora dobbiamo cercare di scoprire, dalla loro letteratura religiosa,

(1) quale porzione dell’entità di un uomo era vissuta dopo la morte del suo corpo;
(2) quale forma ha vissuto; E
(3) dove ha vissuto

Quando il corpo morì, ci poteva essere sollevato (per mezzo di parole sante o magiche e cerimonie celebrate dai sacerdoti) un corpo-spirito chiamato Sahu (#8) che è entrato in cielo e vissuto con i Beati per tutta l’eternità.

Il ka (#6), BA (#5), e Shadow Khabet (#4) abitavano nella tomba con il corpo o vagarono fuori di esso e lontano da esso, quando volevano farlo. La loro esistenza era finita, e sembra essersi conclusa ogni volta che le offerte funerarie non sono state fatte a loro.

Per ulteriori informazioni sui ruoli e le interazioni tra questi componenti metafisici, consultare i nove componenti dell’uomo nel capitolo 15.

 

4. gli alberi medianti — bosco sacro

Gli alberi, come parte dell’universo animato, agiscono come un mezzo conveniente tra le anime terrene e defunte. Il termine egiziano per il bosco sacro è Ginne-na/guineana, che significa il luogo degli spiriti antenati.

Proprio come l’albero di Natale è importante nelle tradizioni natalizie, dove si mediano tra San Nick e i suoi seguaci, così troviamo anche nelle tradizioni egiziane, dove ogni folk-Santo (Wali) Santuario deve essere accanto a un albero.

Le offerte di cibo e bevande sono lasciate sotto l’albero del Santo.

Gli stessi alberi sono i luoghi per la contemplazione.

Tutti i tipi di rituali sono stati condotti accanto all’albero sacro.

L’albero media la risurrezione, tornando alla vita.

Nell’allegoria Isis/Osiride, Osiride fu sancito in un albero vivente.

Se un albero di Gin (antenato) (un albero con uno spirito che vive in esso) è nelle vicinanze, le persone spesso scrivono appunti e li attaccano ai rami dell’albero.

Gli uomini e le donne saggi consultano costantemente gli spiriti defunti, e trascorrono periodicamente diversi giorni con loro nel boschetto vivace.

[Più su alberi e architettura paesaggistica nel nostro libro, l’antica architettura metafisica egizia, di Moustafa gadalla.]

 

5. la soglia della parete occidentale

Sul lato occidentale di tutti i templi egiziani e tombe c’è sempre una crepa nel muro, o quello che è comunemente descritto come una falsa porta. La porta era una porta “falsa” calcarea monolitica, con stampaggio Toro e un cornicione cavetto.

La falsa porta era per l’uso dei defunti, e si credeva che il fantasma è entrato o lasciato a volontà. Ha agito come l’interfaccia tra le sfere divine e umane.

Il termine ‘ falsa porta ‘ è di per sé qualcosa di un termine improprio come, dal punto di vista egiziano, queste caratteristiche erano portali completamente funzionali con cui lo spirito del defunto potrebbe lasciare o entrare nella tomba interiore per ricevere le offerte presentate a loro.

L’Occidente è il punto di ingresso dello spirito scomparso. È la soglia tra il regno fisico terrestre e il Regno meta-fisico. Come tale, il muro occidentale definisce l’interfaccia tra il pubblico e il partito. La più piccola tomba nell’attuale Egitto avrebbe una falsa porta o un buco/crepa nel muro occidentale dove il discorso vivente al defunto.

[Per i dettagli di progettazione dei siti di visita sepolcrali e non sepolcrali, leggi l’antica architettura metafisica egizia di Moustafa gadalla.]

 

6. i santuari cosmici (templi)

I templi egiziani non furono costruiti per il culto pubblico, ma come santuari per i Neteru (dèi, Dee) che rappresentano i diversi poteri dell’unico Dio. Il tempio Egizio è il collegamento-la media proporzionale-tra il macro-cosmo (mondo) e il micro-cosmo (uomo). Era una tappa su cui furono promulgate le riunioni tra il NETER/netert (Dio/dea) e il re, come rappresentante del popolo.

Il tempio egizio era una macchina per mantenere e sviluppare l’energia divina. È stato il luogo in cui l’energia cosmica, NETER/etert (Dio/dea), è venuto ad abitare e irradiare la sua energia per la terra e la gente.

Solo dopo che il Neteru (divinità, divinità) aveva esaminato il tempio destinato a loro, essi venivano e dimoravano lì, come chiaramente indicato in questo testo antico egizio:

‘ Quando il Grande scarabeo alato sorge dall’oceano primordiale e naviga attraverso i cieli con le vesti di Horus… si ferma nel cielo prima di questo tempio e il suo cuore è pieno di gioia mentre lo guarda. Poi diventa uno con la sua immagine, nel suo posto preferito.

Le pareti del tempio egiziano erano coperte da immagini animate, tra cui geroglifici, per facilitare la comunicazione tra il sopra e il basso.

Comprendere questa funzione ci aiuta a considerare l’arte egiziana come qualcosa di vitale e vivo. Pertanto, dobbiamo rinunciare a vedere il tempio come un gioco di forme contro una vaga presentazione storica e archeologica. Invece, dobbiamo cercare di vederlo come il rapporto tra forma e funzione.

Il potere armonioso dei piani del tempio, le immagini incise sulle pareti e le forme di culto hanno portato allo stesso obiettivo; un obiettivo che era sia spirituale (come ha coinvolto l’impostazione di forze sovrumana in movimento) e pratico (in quanto il risultato finale atteso è stato il mantenimento della prosperità del paese).

I rituali del tempio erano basati e coordinati con i movimenti dei cieli che, a loro volta, erano manifestazioni della divina legge cosmica.

I rituali del tempio includevano, tra le altre cose, la presentazione di offerte di materiali: pane, birra, rotoli di lino, carne, pollame e altri beni.

Le nature degli oggetti materiali furono trasmutate in entità spirituali quando furono poste sugli altari consacrati. Il carattere dell’offerta egiziana è mostrato dalla parola comune per offrire, Hetep, che significa un dono di pace, o propiziazione. La pietra o tavoletta di legno su cui sono state poste le offerte è anche chiamato Hetep. Si credeva che l’altare possedesse il potere di trasmutare le offerte che erano state poste su di essa, trasformandole in entità spirituali di tale natura che divennero adatte “cibo” per i Neteru/spiriti. In altre parole, i Neteru (divinità, Dee) consumano solo gli spiriti (o “doppi”) del pane, della birra, delle verdure, della carne, dell’olio, ecc. [Maggiori informazioni sulle offerte più avanti in questo capitolo.]

[Ulteriori informazioni sulla progettazione e la costruzione dei templi è nell’ L’architettura metafisica dell’Antico Egitto di Moustafa Gadalla.]

 

[Un estratto dalla Cosmologia egizia: l’universo animato, terza edizione di Moustafa Gadalla]

 

Visualizza contenuti del libro a https://egypt-tehuti.org/product/egyptian-cosmology-current/


L'antica architettura metafisica egizia

Visualizza contenuto libro athttps://egypt-tehuti.org/product/ancient-egyptian-architecture/

—————————————————————————————————————–

Prenota Outlet acquisti:

A- I libri cartacei stampati sono disponibili su Amazon.

—————-
B-il formato PDF è disponibile in…
i-il nostro sito Web
ii-Google Libri e Google Play
—–
C-il formato mobi è disponibile in…
i-il nostro sito Web
ii-Amazon
—–
D-il formato EPUB è disponibile in…
i-il nostro sito Web
ii-Google Libri e Google Play
iii-iBooks, Kobo, B & N (Nook) e Smashwords.com